Fin dall’età evolutiva lo sviluppo armonico dell’organismo viene favorito da un’attività fisica condotta con regolarità mentre la sedentarietà precoce crea i presupposti per l’insorgenza della cosiddetta malattia ipocinetica. Per malattia ipocinetica si intende quella patologia provocata dalla riduzione o assenza di attività fisica che porta a ipotrofia ed ipotono dei muscoli scheletrici, alterazioni dell’apparato locomotore, alterazioni del sistema cardio-respiratorio e riduzione del metabolismo basale. Tale patologia può già essere presente nei bambini in fase pre adolescenziale, portando all’insorgenza, in età evolutiva, di quadri patologici quali: atteggiamento scoliotico, iperlordosi, scoliosi, cifosi cervico-dorsale, dismetria degli arti, varismo e valgismo delle ginocchia,piattismo del piede.
Il paramorfismo è uno scorretto atteggiamento posturale che causa gravi danni alla morfologia corporea dell'organismo e della colonna vertebrale. I paramorfismi più comuni sono: scoliosi, cifosi, lordosi, piede piatto, ginocchio valgo, dorso piatto e alluce valgo
L’attività sportiva non può in alcun modo influenzare negativamente la crescita di un adolescente, nessun esercizio ginnico-sportivo può impedire lo sviluppo scheletrico. La legge di Jensen ci dice che la sensibilità del tessuto agli stimoli dipende direttamente dalla velocità di crescita dell’organismo e la legge di Delpeche sottolinea che gli stimoli adeguati favoriscono la crescita ossea, gli stimoli eccessivi la inibiscono.
Le evidenze scientifiche ci parlano di sole due intolleranze alimentari accertate. L’intolleranza immunologica al glutine (celiachia) e la reazione biochimica al lattosio. Per cui il termine di intolleranza alimentare generico è improprio.
Contattaci per qualsiasi informazione
Marescotti Mario 389 8335935
Giuliano Zauli 349 3955653